News Centrali (24)

E' online in bando per la nuova edizione del Master in Criminologia, psicopatologia criminale e politiche per la sicurezza sociale, che si svolgerà presso il Dipartimento di Psicologia dell'Università della Campania Luigi Vanvitelli.

http://www.psicologia.unina2.it/images/master/criminologiaPsicopatologiaCriminaleEPolitichePerLaSicurezzaSociale20172018/Prosieguo-bando.pdf

www.mastercriminologia.it 

Master locandina 2018

Martedì, 21 Novembre 2017 00:00

Progetto Samira

Scritto da

Il 20 Novembre 2017 alla Camera dei Deputati è stato presentato il "Progetto Samira", realizzato dall'associazione Di.Re ed UNHCR, che Cuam University Foundation ha pubblicato attraverso il suo canale editoriale Cuam University Press.

Martedì, 21 Novembre 2017 00:00

Death by justice

Scritto da

In coedition:

logo cuam press Editura

The death penalty, so ancient and undeniably present, is still considered by some as the just punishment for heinous crimes.This is why culturally and socially diverse countries recognize and implement the death penalty in different ways, in the name of a need for general prevention, deterrence, with a public display, which reminds us in some ways of the execution of Robert François Damiens, which should have led the people to not follow his example. 

In Europe the only country to practice it is Belarus, with a use that’s shrouded in secrecy; in Asia it’s widespread; in the United States it’s still enforced in some States and even in Africa, where chatting about the abolition of the death penalty is the equivalent of speaking of a minor problem. The death penalty was born with the establishment of society:It’s the proper punishment for those who break the rules of the community. Especially in ancient societies, the biblical law called for the death penalty for premeditated murder, the kidnapping or sale of people, the crime of witchcraft, human sacrifices, adultery and idolatry. In the transition from the customary norms of the right to written codifications, the death penalty was included in all codes of ancient societies. The death penalty was provided for in the polis of ancient Greece, but in Athens it was recognized as not merely a vindictive function, but also educational for the community. Even in ancient Rome the public criminal law provided for the death penalty for high treason and sacrilegious acts. And right besides this is a private criminal law that leaves space to forms of private revenge for certain types of offenses against individuals. During the principality and the empire, the use of the death penalty increases, especially in persecutory functions against the spread of the Christian religion. The Middle Ages is characterized in Europe with the heightened power of the Church. Christianity presents ambiguity about the death penalty. If the Christian empire exerts a relatively moderate action against the abuse of torture, on the other hand, the Constantine Church expresses itself in favor of the use of the death penalty in the name of fighting against heresies.This position influences the period of reorganization of medieval society.

The Renaissance era sees a progressive secularization of the state. The modern conception of natural and positive rights, which takes precedence over those of the divine right, once again sheds a different light on the issue of penalty, and as such the death penalty. The legitimacy of the death penalty is reinforced for reasons that are mainly utilitarian (to protect and safeguard civil harmony); but on the other hand the first dissenting voices start speaking up and as such the debate around the subject commences. 

The real turning point came about in 1764 with the publication of the book by Cesare Beccaria, "Crimes and Punishment", which argued the ineffectiveness of the death penalty as a means of crime prevention while highlighting the possible miscarriage of justice.

Beccaria affirms that if the intention of the penalty is to "prevent the offender from doing any further damage and dismiss others from doing so as well", then it is preferable to impose less cruel penalties, albeit intense and prolonged over time. Beccaria’s thesis gives life to a larger philosophical debate that will also involve Kant and Hegel who will argue the admissibility of the death penalty, backing it essentially on the basis of remuneration. But we should also bear in mind one of the first important political turns: in 1765, Leopold I abolishes the death penalty from the Grand Duchy of Tuscany. Throughout the entire nineteenth century there is a constant fiery debate that is enriched by the stance of the abolitionists with their socialistic mindset and that of the individualist-anarchist.

Even to this day the debate is cyclically sparked, particularly in conjunction with heinous crimes and key intentions during electoral campaigns. In this debate we shouldn’t however forget that everything in this world is a work of man, creating and destroying each and every day, nevertheless there is one thing in this world that is not a work of man: man itself.

It’s important that we make a fundamental choice "between a personal concept of the inviolability of human life and the utilitarian conception of exploitation, including that of human life for the purpose of criminal policy" (Mantovani V.).

This is, in fact, a matter of great interest, as is demonstrated by the proliferation of considerations on the subject which is the reason for which this paper deals with the death penalty in a social justice perspective, in which the analysis of its application internationally and the different means of execution is inscribed with the intent to read and ponder on the death penalty through the tools that produce it.

This work is co-published by Editura Universităţii Agora – Cuam University Press

logo cuam pressEditura

Most of the comparative studies that have analysed the migration policy of the main EU countries have focused on the national level.

On the other hand, a process of localization of the migration dynamics is underway, whereupon the Regions, the local Bodies and, more generally, the cities, play an increasingly bigger role in the integration

of immigrants.

The local government level is accordingly deemed the privileged sphere within which to observe the characteristics and effectiveness of the policies on the integration of immigrants, unlike the immigration policies operating at national level.

Thus, against the backdrop of a national legislation laying down a few general elements on the social integration of foreigners (access requirements, duration and type of residence permits, etc.), the regional context, as well as the municipal or district one, have elaborated their own governance forms and interventions, by virtue of a multiplicity of factors such as the specificity and intensity by which immigration manifests in the different areas, the political traditions of local government, the size of areas itself, etc.

We likewise notice a substantial discrepancy between stated policies, with their rhetorical apparatus, and policies actually practiced on the ground.

This work examines in depth the management of the migration phenomenon at local level, by reviewing the inclusion policies deployed in certain European cities, some of them situated in countries like France, Germany and the United Kingdom, paradigmatic of specific incorporation models.

Special attention has been lavished on the «Italian case», where an analysis was conducted on the link between national legislation, regional legislation and interventions locally deployed in some cities.

The integration policies in the various cities have been reconstructed through an analysis of the legislation that, at various levels, governs both the migration policies and those pertaining to immigrants, with a special focus on the role played by local bodies and by the most important stakeholders involved in the network governance process.

Domenica, 30 Aprile 2017 00:00

4 Maggio Convegno sulle Migrazioni a Caserta

Scritto da

Giovedì 4 Maggio presso il Dipartimento di Scienze Politiche della SUN Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, si terra il convegno “L’intervento di Medici Senza Frontiere nel Mediterraneo”, nel corso del quale saranno proiettate foto e video delle operazioni di salvataggio in mare dei migranti.

Al convegno, che sarà moderato da Michele Lanna, docente di comunicazione interculturale dell’Ateneo campano, prenderanno parte il Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche Gian Maria Piccinelli, Laura Pasquero di MSF Italia, Gian Luca Castaldi della Caritas, Andrea Morniroli della Cooperativa Dedalus e Lella Palladino della Cooperativa EVA onlus.

Il convegno interviene in un momento di grande dibattito sulle attività delle ONG nel Mediterraneo e sul ruolo dell’Italia, impegnata in prima linea nella gestione del fenomeno migratorio.

 

Questo pilastro rispecchia le priorità strategiche della strategia Europa 2020 e affronta grandi preoccupazioni condivise dai cittadini europei e di altri paesi. Un approccio incentrato sulle sfide riunisce risorse e conoscenze provenienti da una molteplicità di settori, tecnologie e discipline, fra cui le scienze sociali e umanistiche. Si intendono coprire attività che spaziano dalla ricerca alla commercializzazione, incentrandosi su quelle connesse all'innovazione, quali i progetti pilota, la dimostrazione, i banchi di prova e il sostegno agli appalti pubblici e all'adozione commerciale. Si istituiranno collegamenti con le attività dei partenariati europei per l'innovazione. Il finanziamento è incentrato sui seguenti Programmi: Salute, cambiamento demografico e benessere Sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima nonché bioeconomia Energia sicura, pulita ed efficiente Trasporti intelligenti, verdi e integrati Azione per il clima, efficienza delle risorse e materie prime Europe in a changing world – inclusive, innovative, reflective societies Secure societies – Protecting freedom and security of Europe and its citizens Le attività interessano l'intero ciclo di vita che va dalla ricerca di base al mercato, con un nuovo accento sulle attività connesse all'innovazione, quali le azioni pilota, le dimostrazioni, i test a sostegno e allo svolgimento di gare d'appalto, la progettazione, l'innovazione sociale e la commercializzazione delle innovazioni. Le scienze sociali e le discipline umanistiche costituiscono parte integrante delle attività mirate ad affrontare le sfide. www.apre.it/ricerca-europea/horizon-2020/societal-challenges/

(Scadenza 20/02/2017 ore 15.30) E' online il bando del Master di I livello in Criminologia, Psicopatologia criminale e Politiche per la Sicurezza Sociale, promosso dal Dipartimento di Psicologia dell'Università Degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

Il Master si propone di realizzare un percorso formativo che risponda alle esigenze territoriali di formazione professionale e di aggiornamento utilizzabile nell'ambito criminologico, delle psicopatologie criminali e delle politiche per la sicurezza sociale.

Il piano didattico del Master prevede quattro sezioni tematiche: giuridica (10 cfu), criminologica (20 cfu), di psicopatologia criminale (10cfu), investigativa e politiche per la sicurezza sociale (10 cfu).
Molteplici le aree tematiche affrontate: elementi di diritto e procedura penale, elementi di diritto penitenziario,legislazione antimafia,elementi di comparazione giuridica, vittimologia, sociologia della pena, criminalità economica, violenza contro le donne, sociologia dei conflitti, immigrazione, tossicodipendenze, impresa e criminalità,elementi di medicina legale, esiti psicopatologici del trauma e dell'abuso, metodologie investigative di analisi e di intelligence, psicologia giuridica, consulenza peritale e capacità di intendere e di volere, attività clinico-criminologiche, statistica criminale, psichiatria clinica, sicurezza urbana e sociale, sicurezza e difesa civile.

Direttore scientifico: Giovanna Palermo

Consiglio Scientifico: Anna Costanza Baldry, Bruno Della Pietra, Michele Lanna, Clara Mariconda, Sergio Minucci, Giovanna Nigro, Giovanna Palermo, Raffaella Perrella, Gianmaria Piccinelli, Elvira Romano, Angelo Volpe.

http://www.psicologia.unina2.it/attachments/article/1336/Bando.pdf

Pagina Fb: Master in Criminologia e psicopatologia criminale

 

locandina master ok

A venticinque anni dalla nascita, la Sun cambia il suo nome e diventa Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. Approvato, dunque, il nuovo Statuto di Ateneo da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, pubblicato in Gazzetta Ufficiale l'8 novembre che entrerà in vigore a decorrere dal 23 novembre. Può dirsi, quindi, definitivamente concluso l’iter per il cambio di denominazione.

“L’Ateneo necessitava di una nuova identità – dice il Rettore Giuseppe Paolisso - Nell’ultimo decennio abbiamo infatti consolidato e radicato la nostra presenza sul territorio, ed è per questa ragione che sin dall’inizio del mio mandato ho avviato, insieme agli Organi Collegiali di Ateneo, questo progetto di cambiamento, formale nelle apparenze ma sostanziale nei contenuti”.

Sarà avviata adesso un’importante strategia di rebranding, operazione grazie alla quale l’università troverà una nuova immagine fortemente evocativa dei propri valori e della propria storia. Per fare questo partirà a breve un bando internazionale per il rifacimento innanzitutto del logo, che l’Ateneo avrà non prima di giugno prossimo.

“Il cambio di denominazione di questa università avverrà gradualmente – spiega Paolisso – il nome Seconda Università affiancherà per qualche tempo quello di Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. L’auspicio è che questo processo di cambiamento possa inaugurare un nuovo corso che culmini, per le generazioni future, nel conseguimento di un titolo di laurea fortemente identificativo sia in Italia che all’estero”.

https://www.unina2.it/index.php/ateneo/avvisi/4643-la-sun-cambia-e-diventa-universita-degli-studi-della-campania-luigi-vanvitelli

Lunedì, 05 Dicembre 2016 00:00

Bando Visiting Professor 2017

Scritto da

Con D.R. 739 del 16/11/2016 e’ emanato per l'anno 2017 il bando Visiting Professor/Scientist per l’assegnazione di n.25 contributi a docenti con comprovata esperienza scientifica, provenienti dall’Estero ed afferenti ad Università, Centri di Ricerca, Enti stranieri.

https://www.unina2.it/index.php/international/avvisi/4660-bando-visiting-professor-2017

Data pubblicazione: 16 Novembre 2016

Scadenza presentazione domande: 16 Dicembre 2016

Sono stati pubblicati i nuovi bandi per borse di studio Fulbright Self-Placed per Master e Ph.D. negli Stati Uniti. I concorsi, relativi all’anno accademico 2017-2018, mettono a disposizione:
7 borse di studio All Disciplines da $38.000
2 borse di studio Fulbright-Ethenea per MBA da $100.000
1 borsa di studio Law da $20.000
Vi ricordiamo che, per partecipare ai concorsi, gli studenti dovranno presentare sia la domanda di borsa di studio alla Commissione Fulbright sia le domande di ammissione alle università statunitensi (scelte autonomamente dal candidato).
Come ogni anno la Commissione organizzerà inoltre specifiche sessioni informative presso atenei italiani per presentare i concorsi Fulbright e parlare del sistema accademico stantunitense.
Per maggiori informazioni sui concorsi e sulle sessioni informative è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero 06/4888211
Scadenza presentazione domanda: 9 DICEMBRE 2016

Pagina 1 di 2

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.